News dal Molise

Crisi di governo, Calenda: “A subirne le conseguenze le fasce più deboli della popolazione. Silente anche la politica regionale”

“La crisi di governo ha già mietuto le prime vittime – scrive la presidente della Quarta Commissione Consiliare, Filomena CalendaA subire le conseguenze della grave situazione politica in atto non potevano che essere le fasce più deboli della popolazione, quelle costrette a lottare quotidianamente per diritti che, in realtà, dovrebbero essere loro riconosciuti perché sanciti costituzionalmente. In un momento così difficile il mio pensiero va in particolare agli ex lavoratori della Ittierre, le cui certezze sono nuovamente svanite nel nulla”.

“Lo scorso 6 agosto – prosegue la consigliera regionaleil Consiglio dei Ministri aveva approvato un decreto legge in materia di lavoro che garantiva ammortizzatori sociali anche a agli ex dipendenti che non avevano il requisito della continuità nella mobilità in deroga. Tra questi anche i circa 250 ex operai dell’azienda tessile di Pettoranello di Molise, senza spettanze ormai da oltre un anno”.

“Un provvedimento tanto atteso, frutto di un lavoro di squadra che ha visto il coinvolgimento di parti sociali e rappresentanti istituzionali – prosegue la notaMa quanto sta accadendo, di fatto, blocca l’iter per rendere esecutivo una misura di fondamentale importanza per padri e madri di famiglia che da mesi hanno difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena. Cosa ne sarà di loro? La politica nazionale e regionale non ha speso una parola, non ha spezzato una lancia in loro favore. Nel giro di pochi giorni hanno visto svanire dinanzi ai propri occhi delle certezze acquisite dopo una strenua battaglia”.

Motivo per cui il presidente della Quarta Commissione Consiliare si è detta pronta a mettere in campo tutte le azioni necessarie per tutelare gli ex  Ittierre e tutti gli altri soggetti che, a causa della crisi di governo, hanno subito delle conseguenze che, di certo, non dipendono dalla loro volontà. “In questi giorni continuerò ad ascoltare i lavoratori, i sindacati e i comitati per studiare una strategia per tutelare i diritti di questi lavoratori. Al contempo, però, credo che tale argomento debba essere oggetto d’interesse di governo regionale e dei parlamentari che rappresentano alla Camera e al Senato la nostra regione e i nostri concittadini. È impensabile che – ha concluso Calendaa causa di una crisi di palazzo, centinaia di persone continuino a vivere in uno stato di povertà assoluta”.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close