CronacaNews dal Molise

Specializzati in rapine in discoteca: sette arresti per i fatti di Corinaldo in cui rimase ferito un 18enne di Ferrazzano

Arriva dopo 8 mesi la svolta nell’indagine sulla strage nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, in provincia di Ancona, nella quale rimase ferito anche un 18enne di Ferrazzano e studente dell’Istituto Tecnico ‘Guglielmo Marconi’ di Campobasso.

I Carabinieri del reparto operativo di Ancona hanno eseguito sette ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di un gruppo di ragazzi tra i 19 e i 22 anni della provincia di Modena a cui è contestata l’associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti con strappo e rapine.

A sei di loro è contestato l’omicidio preterintenzionale e le lesioni personali oltre a singoli episodi di rapine e furti con strappo. Uno di loro è, invece, finito in manette per ricettazione.

Per la Procura sarebbero stati proprio loro a spruzzare lo spray al peperoncino che la notte dell’8 dicembre 2018 ha scatenato il panico nella discoteca dove si sarebbe dovuto svolgere il concerto di Sfera Ebbasta.

In quella discoteca piena di adolescenti doveva essere una serata di festa. In pochi minuti, però, nel locale, si scatenò l’inferno. In tanti sentirono gli occhi lacrimare, la gola che bruciava, il respiro che iniziava a mancare. Fu il panico.

Tutti si diressero verso l’uscita di sicurezza. È lì che si accalcarono in massa. E i parapetti laterali non ce la fecero a contenere tutti. Vennero meno e le persone caddero una sull’altra.

Nella discoteca gli inquirenti ritroveranno uno spray urticante. Lo stesso utilizzato con l’intento di compiere una rapina e che ha scatenato la morte di cinque ragazzini e una donna, provocando ben 197 feriti. Tra cui, appunto, anche il giovane del capoluogo molisano che, quella sera, era lì con alcuni amici di Campobasso, rimasti illesi.

 

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close