Politica

Palazzo D’Aimmo, il Movimento 5 Stelle incalza Toma: “Cinque minuti di assise. Il tempo servito al governatore per recitare il proprio epitaffio politico”

“Due ore di attesa per una seduta di Consiglio durata un paio di minuti: il tempo di permettere al governatore Toma di recitare il proprio epitaffio politico”, il Movimento 5 Stelle attacca duramente il Presidente della Giunta regionale del Molise e la sua maggioranza di centrodestra.

“Il ritardo della riunione del Consiglio regionale – prosegue la notaè stato dettato soltanto dal tentativo disperato di trovare una quadra che non esiste, più o meno, dal giorno successivo alle elezioni. Mazzuto che annuncia le dimissioni da assessore alle Politiche del Lavoro, Toma che chiede il ritiro della mozione di sfiducia, il consigliere della sua maggioranza Aida Romagnuolo che invece ne chiede la discussione, il patetico voto finito 10 pari che impedisce la discussione della sfiducia, il presidente del Consiglio regionale Micone che aggiorna la seduta di 10 giorni. Atti, azioni, decisioni, parole di un governatore incapace di tenere insieme la sua maggioranza, di un centrodestra dilaniato al proprio interno, niente di più. Il tutto, a prescindere dalla fine politica che farà Mazzuto e a un solo anno dalla proclamazione del governatore”.

“Il MoVimento 5 Stelle si era presentato in Consiglio con 31 atti già iscritti all’ordine del giorno e con un atto da iscrivere: quello sul punto nascita del San Timoteo di Termoli – incalzano i consiglieri regionali pentastellati In Aula c’erano anche gli ex lavoratori di Zuccherificio e Ittierre che attendevano risposte, molte delle quali contenute nella nostra interrogazione sul bando per lavori di pubblica utilità. Un bando bluff divenuto un bando fantasma, ora scomparso nel nulla. Invece ci hanno impedito di parlare di qualsiasi cosa. È impensabile e imbarazzante dover mettere in secondo piano i problemi, la disperazione dei cittadini per inettitudine politica o, peggio, per vuoti giochi di potere. In questo modo il Consiglio regionale diventa inutile. Il Molise è fermo e la Giunta è avvitata su sé stessa, non presenta proposte di legge, non ha idee, non ha concretezza, vivacchia tra un mal di pancia e l’altro. Solo due giorni fa i dati Istat hanno confermato il pauroso spopolamento in atto. Ebbene, il governatore e la sua maggioranza non stanno facendo altro che accompagnare fuori regione migliaia di cittadini. Oggi, però, l’amministrazione Toma è giunta al capolinea; tutto ciò che succederà d’ora in poi sarà un lento trascinarsi verso la fine della legislatura che è plausibile pensare sarà abbastanza breve. I cittadini che lo sperano sono sempre di più. Il governatore ne prenda atto e ponga fine a questo stillicidio politico e amministrativo”.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close