Politica

Piano per rilanciare il turismo nel meridione, Rino Morelli: “Bene la proposta del Ministro Franceschini”. L’appello a venire in Molise: “Vacanze all’aria aperta e sostenibili”

“Condivido l’idea di un Piano per rilanciare il Turismo al Sud a partire dalla dorsale adriatica perché il settore turistico, soprattutto nelle regioni meridionali, è quello più toccato pandemia”. Il vice-presidente di Confindustria Molise, Rino Morelli, commenta la proposta del Ministro alla Cultura e Turismo Dario Franceschini di un Piano per rilanciare il turismo nel Mezzogiorno d’Italia.

“Ben vengano e subito i 5 miliardi (4 per il turismo e 1 per la cultura) previsti dal Piano; c’è poi il bonus vacanze di 2,4 milioni di euro che aiuterà milioni di famiglie nel turismo di prossimità. Queste misure significano immettere liquidità nelle strutture ricettive ad ogni livello, dai campeggi agli hotel”, prosegue Morelli.

“In particolare – le parole di Rino Morelli – il Piano prevede la riqualificazione delle strutture ricettive, perchè a Sud mancano quelle di fascia alta, l’alta velocità e la valorizzazione delle destinazioni minori. Su quest’ultimo punto vale la pena ricordare che il Ministro ha annunciato 20 milioni al fondo di promozione turistica per la valorizzazione di luoghi meno conosciuti, coerentemente con il suo piano di delocalizzazione e sostenibilità del turismo”. 

“E’ prevista, poi, l’istituzione di un fondo strategico, attraverso la Cassa Depositi e Prestiti, per impedire che sfugga di mano il patrimonio alberghiero e ricettivo nazionale, mantenendone i carattere originali legati ad una proprietà diffusa – continua l’imprenditore – Secondo Federturismo, occorre inoltre favorire il rientro in azienda dei lavoratori oggi in cassa integrazione, prevedendo che il valore degli ammortizzatori sociali si trasformi in riduzione del costo del lavoro. Si tratterebbe di una misura a costo zero per le casse dello Stato, che però riporterebbe i lavoratori in azienda con il recupero della piena retribuzione e renderebbe più sostenibile la riapertura per le imprese. Voglio ricordar che ad oggi il 95% delle strutture alberghiere è chiuso e il 97% dei lavoratori del settore è in attesa della cassa integrazione – afferma ancora il vice-presidente di Confindustria Molise – Se consideriamo che nel settore alberghiero le perdite accumulate non possono in alcun modo essere colmate perchè non esiste “magazzino” (cioè la camera che non viene venduta è persa e non potrà più essere recuperata), le prospettive per le prossime settimane “estive”, per chi deciderà di riaprire, sono comunque molto difficili, con un mercato di fatto ridotto dall’assenza di turismo estero e con un incremento dei costi determinato dalla gestione della sicurezza che le aziende assicurano ai loro ospiti”.

“Tra gli italiani, comunque, c’è ancora voglia di vacanza, tanto che il 70% dei nostri concittadini pensa di concedersi almeno un viaggio nei prossimi 12 mesi. Questa percentuale aumenta sensibilmente, arrivando all’80%, tra coloro che l’anno scorso hanno sperimentato un turismo open air. Ciò vuol dire che la vacanza outdoor è considerata una risposta privilegiata alle esigenze di sicurezza e distanziamento sociale di questa strana estate in arrivo – conclude Rino Morelli – Mi associo, quindi, all’invito proveniente da più parti del governo nazionale di trascorrere le vacanze in Italia e, aggiungo, in Molise, dove è possibile praticare un turismo all’aria aperta e sostenibile, scegliendo località balneari, borghi, montagne e colline in un pezzo d’Italia ancora poco conosciuto. Del resto, voglio ricordare che “la regione che non esiste”, solitamente “scavalcata” per raggiungere mete più ambite, è stata incoronata dal New York Times tra le mete da visitare nel 2020”.

Redazione

CBlive

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button

error: Contenuto protetto !!
Close