Politica

Il PD di Isernia in conclave. L’assessore regionale Veneziale, Buono, D’Achille e Laurelli disponibili a una candidatura al Parlamento

Stefano Buono, Maria Teresa D’Achille, Giuseppe Laurelli e l’assessore regionale alle Attività Produttive, Carlo Veneziale, nel corso dell’assemblea provinciale del Partito Democratico a Isernia, hanno dato la propria disponibilità per una candidatura per il Parlamento.

Convocata dal Comitato dei Garanti della Federazione per decidere la linea in merito alle candidature alle elezioni Politiche, l’assemblea, che ha visto la partecipazione di dirigenti del Partito, amministratori e militanti provenienti da tutta la Provincia, è stata animata da un sereno ed approfondito confronto.

È stato espresso un giudizio positivo sull’operato dei Governi nazionali a guida PD che, nel corso della legislatura, hanno consentito di raggiungere risultati importanti sul piano economico-sociale e su quello della sfera dei diritti civili. Per questo motivo, l’assemblea ha espresso la convinzione che i risultati elettorali assicureranno la continuità nell’azione governativa, con la sconfitta delle posizioni demagogiche e populiste.

Per quanto riguarda le candidature, sulla base del dibattito e delle posizioni emerse nel corso della riunione della Segreteria Regionale allargata alle tre Federazioni Molisane di Campobasso di qualche giorno prima, nella consapevolezza che il risultato delle elezioni Politiche peserà notevolmente sul voto per il rinnovo dell’Amministrazione Regionale, l’Assemblea Provinciale è pervenuta alle seguenti conclusioni: “Le candidature devono essere caratterizzate da affidabilità sul piano politico e coerenti con la proposta nazionale di chiedere la conferma all’azione di Governo, evitando situazioni in grado di creare disorientamento nel Partito e nell’elettorato. In particolare, non è opportuno inserire nelle liste personalità che nel corso della legislatura non hanno condiviso, su punti qualificanti, l’azione di Governo e che, a livello regionale, hanno lavorato e stanno tuttora lavorando a progetti politici alternativi e contrapposti a quelli del  Partito Democratico; le candidature devono essere rispettose e rappresentative delle diverse realtà territoriali, in coerenza con l’introduzione nel sistema elettorale dei Collegi uninominali. Pertanto, è necessario che esponenti della Provincia di Isernia siano presenti nelle liste del Senato e della Camera; le candidature devono essere finalizzate alla valorizzazione del lavoro svolto dai Dirigenti di partito e dagli Amministratori impegnati negli enti locali e nel Governo della Regione. In particolare, è auspicabile anche l’impegno in prima persona del Governatore regionale, in coerenza con il quadro nazionale che vedrà coinvolti tutti i rappresentanti del Governo”.

L’ Assemblea, inoltre, ha invitato la Segreteria Regionale e i Competenti Organi del Partito di livello Regionale e Nazionale, a garantire un percorso di selezione delle candidature trasparente e condiviso in tutte le sue fasi, al fine di pervenire alla scelta dei candidati, tenendo in dovuta e rispettosa considerazioni le legittime indicazioni provenienti dalle diverse realtà territoriali.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close