Politica

Il centrodestra punta sull’unità per le Politiche, ma i movimenti civici insorgono: “Si pensi alle Regionali e sia immediata la scelta del candidato presidente”

Niro e Perrella spingono per Di Giacomo. Il consigliere regionale chiede alla Tartaglione la convocazione del tavolo degli alleati

Le prime uscite pubbliche del centrodestra per la campagna elettorale delle Politiche del 4 marzo 2018 hanno restituito l’immagine di qualche anno fa, ovvero quella di una coalizione unita. E proprio il motto ‘Uniti si Vince’ campeggia nelle campagne elettorali dei candidati di centrodestra.

Iorio e Patriciello sono tornati a sedersi allo stesso tavolo e con loro buona parte dei protagonisti del centrodestra degli anni di governo.

Chi non si è visto alle prime uscite sono stati coloro che avevano lanciato per primi l’unità del centrodestra per le Regionali, puntando sul giudice Enzo Di Giacomo, presidente del Tribunale di Isernia.

Tra questi il consigliere regionale Vincenzo Niro e il leader del Movimento Sovranista in Molise, Carlo Perrella, ma anche la consigliera regionale Angela Fusco Perrella, l’ex presidente della Provincia, Rosario De Matteis, e l’ex consigliere provinciale e comunale Maurizio Tiberio, tutti a capo di movimenti che, già da qualche settimana, avevano iniziato a incontrarsi per discutere delle elezioni regionali.

Il primo a far sentire la propria voce è stato l’ex presidente del Consiglio regionale del Molise, Vincenzo Niro, il quale ha auspicato a un incontro del centrodestra per decidere il candidato presidente della Regione Molise. Il suo appello direttamente alla coordinatrice di Forza Italia, Annaelsa Tartaglione.

Per i movimenti civici sarebbe impensabile trascurare le regionali per le elezioni Politiche, essendoci tra la fine della campagna elettorale per il Parlamento e la presentazione delle liste alla Regione Molise poco più di due settimane.

Sull’argomento, anche il sovranista Carlo Perrella, per il quale “per quel che riguarda le elezioni in programma a marzo sarà importante l’incontro di mercoledì 7 febbraio con il presidente Mario Pietracupa”.

“La nostra scelta – la tesi di Perrellasarà comunque una scelta fondata sul buon senso e soprattutto sulla coerenza, qualità che contraddistingue il nostro Movimento. Ciò che in questo momento vogliamo sollecitare è la scelta del candidato presidente della Regione Molise. Crediamo, come abbiamo già avuto modo di rimarcare in altre occasioni, che sia un atto di correttezza verso il popolo molisano, quello di indicare, tutti uniti, il nome del candidato presidente. Noi, come Movimento, siamo già usciti allo scoperto in diverse occasioni: riteniamo il giudice Enzo Di Giacomo il valore aggiunto per questa coalizione. Una persona super partes che può dare un nuovo slancio alla coalizione di centrodestra”.

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close