Politica

‘Idea’ lancia la sfida: “Troppi doppiogiochisti, siamo per la trasparenza. Tra Iorio e Frattura vincerebbe il Movimento 5 Stelle”. De Matteis: “Lavoriamo a una coalizione allargata, di salute pubblica”

De Matteis, Tiberio e Colalillo
De Matteis, Tiberio e Colalillo

‘Idea’, il partito fondato da Gaetano Quagliariello alla fine del 2015, si propone anche in Molise e questa mattina, giovedì 20 luglio 2017, il coordinatore regionale Maurizio Tiberio, quello provinciale Mario Colalillo e il componente della Direzione Nazionale, Rosario De Matteis, hanno lanciato un monito agli alleati, prendendo spunto dalla situazione del Comune di Bojano.

“In vista delle elezioni regionali – hanno affermato l’ex presidente della Provincia e i due ex consiglieri provincialioccorre chiarezza. Occorre dire se si sta nel centrodestra o nel centrosinistra. Assistiamo a scene alle quali più di qualcuno con una mano agisce in un modo e con l’altra fa l’esatto contrario”.

“L’amministrazione di Di Biase a Bojano, sponsorizzata da Frattura e Fanelli, è stata salvata dal voto di Carlo Perrella – ha sottolineato Mario Colalillo – Noi vogliamo capire se il Movimento Sovranista appoggia il centrodestra o il centrosinistra di Frattura. Noi prendiamo le distanze dall’azione di Carlo Perrella. Le alleanze sono tutte lecite, ma l’importante è essere chiari. La politica non può essere fatta di sotterfugi e giochetti”.

Una frecciata, da parte dei tre rappresentanti di ‘Idea’, è anche per Forza Italia. “Il partito è commissariato ed è in mano alla deputata Nunzia De Girolamo e all’avvocato Giacomo Papa, quest’ultimo coordinatore del tavolo del centrodestra, però quando dobbiamo parlare col partito azzurro ci dicono di rivolgerci a Patriciello, i cui uomini in Molise sono stati eletti con ‘Rialzati Molise’ e con Frattura, il cui nuovo responsabile della comunicazione, Pasquale Passarelli, è il vice-presidente della Neuromed. Papa, inoltre, ha permesso a Di Biase, uomo di Frattura, di vincere le elezioni a Bojano, ne è stato collaboratore e, successivamente, non ha mai preso le distanze. A noi i doppiogiochisti non ci piacciono. O si sta sui tavoli del centrodestra o del centrosinistra”.

“A parte la dichiarazione del vice-sindaco Virgilio Spina – ha replicato Maurizio Tiberioche ha affermato la sua appartenenza al centrosinistra, non abbiamo avuto il piacere di ascoltare l’opinione, rispetto al voto decisivo dell’esponente di minoranza Carlo Perrella, di Natale Liberatore, coordinatore cittadino del Partito Democratico, di Angelo Arena, legato al governatore Frattura, di Remo Perrella, filopiddino, e nemmeno di Giuseppina Malatesta e Lucia Amatuzio, legate all’assessore regionale Nagni. A onor del vero, nemmeno gli altri partiti del centrodestra hanno espresso il proprio sdegno, rispetto a questa manovra che, di fatto, ha salvato il sindaco Marco Di Biase”.

Il partito ‘Idea’, a settembre, celebrerà la stagione dei congressi, in vista delle prossime scadenze elettorali, e l’ex assessore regionale e Presidente della Provincia di Campobasso, Rosario De Matteis, guardia già oltre. “Noi vogliamo dare un contributo importante – le parole di De Matteisalle elezioni Politiche e regionali. Siamo un partito di centrodestra, ma non disdegniamo una coalizione allargata, che mi piace definire di ‘salute pubblica’, al di là di partiti e schieramenti, perché la priorità è difendere l’autonomia del Molise”.

“Da settembre – ha proseguito De Matteisci dedicheremo alla scelta del candidato governatore, possibilmente una persona ‘super partes’, un personaggio della società civile, che magari ha già contribuito alla difesa dell’autonomia regionale”.

Come il giudice Di Giacomo? “Il profilo, che si traccerà, sarà come quello del magistrato”.

Rispetto a chi ha fatto un passo avanti, come l’ex governatore Michele Iorio? “Se ci vogliamo sedere attorno a un tavolo, tutti devono essere capaci di fare un passo indietro”.

“Tutti dovrebbero avere la correttezza di Rosario De Matteis – l’intervento di Maurizio Tiberioche, col suo curriculum, potrebbe ambire alla candidatura alla presidenza della Giunta regionale del Molise, preferendo, invece, mettersi a disposizione per una causa comune. Tutti dovrebbero fare così”.

“In sostanza – hanno concluso De Matteis, Tiberio e Colalillo, che hanno precisato che non intavoleranno trattative con il PD e il Movimento 5 Stelle – se negli schieramenti nessuno sarà disposto a fare un passo indietro e la sfida sarà ancora tra Iorio e Frattura, il prossimo governo regionale sarà pentastellato”.

giusform

 

 

redazione

CBlive

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close