Politica

Tagli anti-casta: per garantirli gli Indignati pronti a occupare il Consiglio regionale

indignati“Occuperemo la prima commissione consiliare”. Tornano con questa promessa gli Indignati molisani che nel corso di una conferenza stampa sottolineano come la proposta di legge per la riduzione delle indennità dei consiglieri regionali sottoscritta da ben sei mila cittadini molisani sia rimasta in un cassetto della prima commissione. “Ecco perché partiamo da lì, ma se ciò non dovesse bastare siamo pronti ad occupare la sede del Consiglio regionale”, rimarcano Gigino D’Angelo, segretario regionale di Sel, Domenico Di Lisa sindaco di Roccavivara, Giuseppe Mattucci, Rino Ziccardi e Romano Amoroso.

La crisi economica e lavorativa che sta affliggendo in maniera così evidente e spietata il territorio locale deve divenire una priorità per il governo regionale che non può dirsi sordo alle richieste dei cittadini.

Gli indignati che si attribuiscono il merito dell’abrogazione del famigerato articolo 7 (il bonus di oltre 2 mila euro non rendicontabile), pretendono ora che da via IV Novembre si faccia qualcosa per riportare un minimo di equità in un contesto molisano in cui ci sono, da un lato i fortunati della politica e dall’altro, le persone ‘normali’ che ogni giorno, con sforzi immani per non cadere nella disperazione più totale, devono fare i conti con licenziamenti, cassa integrazione e disoccupazione.

“I sei mila molisani – ribadisce Di Lisa – non possono essere offesi nel vedere un’importante proposta di legge ferma in prima commissione dallo scorso mese di gennaio”.

Dopo aver sottolineato ancora una volta come nell’aula di palazzo Moffa l’opposizione sia praticamente inesistente, il primo cittadino di Roccavivara passa in rassegna i vari disastri del Molise, a partire da quello della sanità dove ad “averne trovato giovamento è stato esclusivamente Aldo Patriciello, ormai unico vero padrone sia del centrodestra che del centrosinistra”.

Gli indignati ci vanno giù duro anche con l’attuale governatore verso il quale i cittadini devono ribellarsi perché “in qualità di presidente deve decidere sulle centrali a Biomasse, ma dall’altro canto è anche un imprenditore”.

Proprio dalla volontà dei numerosi cittadini che hanno sottoscritto la proposta di legge gli indignati si sentono legittimati ad andare avanti e a mettere in atto azioni di ‘forza’, mentre sull’articolo 7 invitano gli organi competenti a certificare se effettivamente il denaro preso indebitamente dai rappresentati di palazzo Moffa sia stato restituito.

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close