Politica

Formazione professionale, i 90 operatori a Palazzo Moffa per chiedere garanzie sul futuro. A rischio, in Molise, formazione e orientamento

uil scuola2
Gli operatori della formazione professionale davanti Palazzo Moffa

Protesta davanti ai cancelli di Palazzo Moffa, questa mattina, mercoledì 10 settembre, dove era in corso il Consiglio regionale, dei 90 operatori della formazione professionale, altra categoria (l’ennesima) a rischio in Molise.

“I 90 operatori della formazione professionale – ha affermato Ferdinando Mancini, delegato UIL scuola Molise – rischiano di restare fuori dal prossimo 1° ottobre se la Regione Molise non prende la situazione di petto. Noi siamo qui a ribadire che la formazione professionale è materia delegata della Regione e che i formatori sono una risorsa della quale non se ne può fare a meno e sulla quale si deve investire, per risollevare le sorti del nostro Molise, dove sono abbandonate a se stessi il turismo, l’artigianato e le scuole”.

Sulle successive mosse, Mancini ha proseguito: “Indiremo un’assemblea sindacale, per decidere insieme ai lavoratori il da farsi. Possiamo solo preannunciare che i 90 formatori professionali della Regione Molise sono disposti a lottare fino all’estremo, per non vedersi privati del proprio lavoro”.

Sullo stato della formazione professionale, per Mancini “la classe politica è ferma ed è responsabile di questa situazione. Fino a dieci anni fa avevamo uffici che pullulavano di ragazzi, interessati a imparare un mestiere. Il Molise ha bisogno di formazione, orientamento, creando nei giovani l’interesse ad apprendere un lavoro”.

gf

Articoli correlati

error: Contenuto protetto !!
Close